Scuola secondaria di primo grado

Presentazione Istituto

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE “G.RODARI-G.NOSENGO” 

Distretto 18  Cod. Mecc. CTIC8A4007     C.F. 93190610878

Via San Paolo, 107   95030 -  Gravina di Catania  (CT)  e-mail ctic8a4007@istruzione.it

Tel. 095/7258150 (sede centrale  )    Fax  095/27258150 PEC  ctic8a4007@pec.istruzione.it

Tel. 095412568 (sede via Trieste) scuola infanzia    -  Tel. 0954199940 (sede via S. Paolo) scuola primaria

 

 

 

 

info@icrodarinosengo.gov.it  (utilizzare solo per comunicazioni tra docenti)  

 

                

   
 

   

   

       

  

 

 

   

   
                                               

Regolamento d'Istituto - Regolamento di disciplina

REGOLAMENTO INTERNO

DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA

TRIENNIO 2017-2020

PREMESSA

 

TITOLO 1° ORGANI COLLEGIALI
  • Consiglio di Istituto
  • Presidenza
  • Giunta
  • Riunioni
  • Convocazione
  • Ordine del giorno
  • Delibere e validità delle sedute
  • Svolgimento delle sedute
  • Criteri per l'ammissione del pubblico alle sedute
  • Verbale
  • Segretario
  • Diritti e doveri dei Consiglieri
  • Commissioni
  • Partecipazioni esterne
  • Attribuzioni
  • Collegio Docenti
  • Presidente
  • Segretario
  • Insediamento
  • Riunioni
  • Convocazione
  • Ordine del giorno
  • Competenze
  • Consigli di Classe
  • Presidente e segretario
  • Riunioni
  • Competenze
  • Comitato per la Valutazione del servizio dei Docenti
TITOLO 2° REGOLAMENTO DELLA VITA SCOLASTICA
  • Orario
  • Ingresso
  • Uscita
  • Intervallo
TITOLO 3° VIGILANZA
  • Vigilanza alunni
TITOLO 4° FREQUENZA
  • Presenze
  • Assenze
  • Entrate posticipate – Uscite anticipate
  • Ritardi
  • Irregolarità
TITOLO 5° COMPORTAMENTI
  • Alunni
  • Docenti
  • Genitori
  • Collaboratori scolastici
  • Personale amministrativo
TITOLO 6° INIZIATIVE CHE INTEGRANO L'OFFERTA FORMATIVA
  • Visite guidate, viaggi d'istruzione, manifestazioni e rappresentazioni teatrali
  • Concorsi
  • Iniziative di solidarietà
  • Coordinatore
  • Assicurazione
TITOLO 7° NORME PER LA SICUREZZA-PROVVEDIMENTI IN CASO 
DI MALORI/INFORTUNI
  • Sicurezza
  • Comportamenti in caso di calamità
  • Infortuni degli alunni
TITOLO 8° USO DEGLI SPAZI E DELLE ATTREZZATURE
  • Aula multimediale
  • Strumenti di duplicazione
TITOLO 9° RAPPORTI SCUOLA - FAMIGLIA
  • Partecipazione
  • Patto di corresponsabilità
TITOLO 10° PATTO DI CORRESPONSABILITA’

TITOLO 11° COLLABORAZIONE SCUOLA – ALTRE ISTITUZIONI
  • Comune
  • ASL
  • Altre istituzioni scolastiche
TITOLO 12° TITOLO 12° VALIDITA’ DEL REGOLAMENTO
  • Attuazione
  • Modifiche

 

PREMESSA

Il presente Regolamento detta norme intese a regolare il funzionamento dell’Istituto comprensivo statale “G. Rodari G. Nosengo” di Gravina di Catania a norma dell'art. 10, comma 3, lettera a) del Decreto Legislativo n. 297/1994 (Testo Unico delle Leggi sulla Scuola).

Per quanto non previsto dal presente Regolamento si rimanda a quanto disposto nel citato Decreto e successive modificazioni e dalle disposizioni ministeriali.

Il presente Regolamento è coerente e funzionale al Piano dell'Offerta Formativa adottato dall’Istituto.

a)  Questo regolamento vuole essere un mezzo, non rigido, ma perfettibile e quindi modificabile, offerto alle forze vive dell'istituto, affinché esse possano sempre meglio realizzare i fini loro propri e, pur nell'osservanza delle rispettive autonomie, concretamente coordinare l'azione delle varie componenti, allo scopo di qualificare e determinare il significato in modo più efficace della presenza politica, sociale e culturale dell’Istituto nel suo complesso, in rapporto alla vita comunitaria circostante.

b)  Nel rispetto delle norme costituzionali e degli ordinamenti della scuola, ai docenti è garantita la libertà d’insegnamento intesa come autonomia didattica e come libera espressione culturale del docente. L'esercizio di tale libertà è diretto a promuovere, attraverso un confronto aperto di disposizioni culturali, la piena formazione della personalità degli alunni. E' garantita l'autonomia professionale nello svolgimento dell'attività, scientifica e di ricerca.

c)  Gli alunni partecipano attivamente alla vita della scuola, quali componenti necessari della comunità educativa, guidati dal Dirigente Scolastico, dai docenti, dai collaboratori scolastici nello spirito del “patto formativo”. A favore degli alunni sono attuate iniziative dirette a garantire il diritto allo studio.

d)  I rapporti tra Docenti e Discenti, tenuto conto del ruolo rivestito dagli insegnanti, si attuano nel rispetto della coscienza morale e civile degli alunni e sono improntati al colloquio ed alla collaborazione.

e)  L’acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica degli studenti sono favoriti e garantiti dal “patto formativo”; attraverso di esso si realizzano gli obiettivi del miglioramento della qualità, della trasparenza, della flessibilità della collegialità e della partecipazione attiva, secondo le modalità definite dal Piano dell’Offerta Formativa dell’Istituto. Ogni componente della comunità scolastica s’impegna ad osservare e a far osservare il presente regolamento, strumento a carattere formativo, che definisce le corrette norme relazionali e procedurali alle quali far riferimento, il cui rispetto diviene indice di consapevole e responsabile partecipazione alla vita scolastica.

f)  Ciascuna classe è una comunità di lavoro e di ricerca individuale e collettiva degli alunni guidati dagli insegnanti. Particolare attenzione viene riservata agli alunni con abilità differenti di cui si favorisce un’efficace integrazione scolastica.

g) Ognuno ha il diritto di esprimere liberamente il proprio pensiero, purché nel pieno rispetto della libertà altrui, delle strutture e attrezzature logistiche e comunque nei limiti previsti dalle leggi vigenti, dalle quali discende il rifiuto categorico d’ogni forma di violenza.

h) L’Istituto, in collaborazione con le famiglie, svolge un’azione diretta a promuovere negli studenti la conoscenza civica, prepararli ad assolvere i doveri sociali e porli su un piano d’effettiva libertà nel loro sviluppo intellettuale, morale, culturale e professionale.

 

TITOLO 1° ORGANI COLLEGIALI

Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto è l’organo collegiale della scuola che, fatte salve le competenze del Collegio dei Docenti e del Consiglio di Intersezione/Interclasse, ha potere deliberante circa l’organizzazione e la programmazione della vita e dell’attività della scuola.

I componenti del Consiglio di Istituto sono:

  • Il Dirigente scolastico, come membro di diritto
  • n° 8 rappresentanti del personale docente (in sede di elezioni sono candidati tutti i docenti di ogni plesso)
  • n° 2 rappresentanti del personale A.T.A. (in sede di elezioni è candidato tutto il personale A.T.A. di ogni plesso)
  • n° 8 rappresentanti dei genitori (in sede di elezioni sono candidati tutti i genitori di ogni plesso)

I componenti del consiglio rimangono in carica per tre anni scolastici; le elezioni per il rinnovo delle cariche si tengono normalmente all’inizio dell’anno scolastico.

I membri del Consiglio di Istituto vengono nominati dal Dirigente Scolastico, il quale emana gli eventuali decreti di surroga decreti di surroga.

Presidenza

Nella prima seduta il Consiglio di Istituto è presieduto dal Dirigente Scolastico ed elegge il proprio Presidente. L’elezione ha luogo a scrutinio segreto e sono candidati tutti i genitori del Consiglio. E’ considerato eletto il genitore che abbia ottenuto la maggioranza assoluta dei voti rapportata al numero dei componenti del Consiglio.

Qualora non si raggiunga detta maggioranza nella prima votazione, il Presidente è eletto a maggioranza relativa dei votanti sempre che siano presenti alla seduta almeno la metà più uno dei componenti in carica. A parità di voti si ripete la votazione fino a determinare una maggioranza.

Pagine